I Disturbi Specifici dell'Apprendimento

DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio della scolarizzazione. In base al tipo di difficoltà specifica che comportano, i DSA si dividono in:

DISLESSIA: Disturbo specifico della lettura che si manifesta con una difficoltà nella decodifica del testo;
DISORTOGRAFIA: Disturbo specifico della scrittura che si manifesta con difficoltà nella competenza ortografica e nella competenza fonografica;

DISGRAFIA: Disturbo specifico della grafia che si manifesta con una difficoltà nell'abilità motoria della scrittura;

DISCALCULIA: Disturbo specifico dell'abilità di numero e di calcolo che si manifesta con una difficoltà nel comprendere e operare con i numeri.

Questi disturbi dipendono dalle diverse modalità di funzionamento delle reti neuronali coinvolte nei processi di lettura, scrittura e calcolo, non sono causati né da un deficit di intelligenza né da problemi ambientali o psicologici o da deficit sensoriali.

Leggere, scrivere e calcolare per noi sono atti così semplici ed automatici che risulta difficile comprendere le difficoltà che riscontrano i bambini o i ragazzi dislessici; spesso questi ragazzi vengono erroneamente considerati svogliati e la loro intelligenza spiccata dà il via a valutazioni come "è intelligente ma non si applica" in realtà il dislessico può imparare a leggere e scrivere, ma riesce a farlo solo impegnando al massimo le sue capacità e le sue energie, per questo si stanca rapidamente e commette errori.
Si stima che la dislessia colpisca il 10% della popolazione mondiale (circa 700.000 persone).

 

LEGGERE

Leggere significa riconoscere ed interpretare un testo scritto in un determinato linguaggio e comprenderne i significati; comunicare ad alta voce un testo; interpretare segni convenzionali o naturali; interpretare un’opera d’arte, un evento; prelevare dati da una memoria elettronica.

Dal latino legere raccogliere, attraverso la locuzione legere oculis raccogliere con gli occhi. 

La lettura è il processo che ci permette di recuperare e comprendere informazioni in forma scritta.
La lettura si riferisce alla decifrazione di un elaborato prodotto in una lingua e codificato tramite la scrittura per mezzo di simboli che sono percepiti con la vista, o con il tatto nel caso dell’alfabeto Braille; altri tipi di lettura possono non essere basati sul codice linguistico, come nel caso della partitura musicale o dei pittogrammi.

Image

Il meccanismo della lettura si basa su in una serie di fissazioni oculari intervallate da movimenti veloci di rifissazione o saccadi. L’occhio non si fissa su ogni singola lettera all’interno delle parole, ma soltanto su alcune, e il cervello ricava l’informazione mancante in base al contesto; questo è possibile perché le lingue umane sono dotate di certe regolarità linguistiche.

Le informazioni derivanti dai movimenti oculari e dalle proiezioni dello scritto sulla retina vengono in pochissimi millisecondi inviate alla corteccia visiva e processate; a loro volta i neuroni della corteccia visiva inviano il segnale elaborato alle aree cerebrali cognitive del riconoscimento, dell’interpretazione, e della memoria, per dare significato a ciò che stiamo leggendo.

Movimenti saccadici
Rappresentano rapidissime rotazioni del bulbo oculare, per allineare la fovea agli oggetti di interesse;

Fissazione
E’ una pausa tra una saccade e l’altra, che permette al soggetto l’analisi visiva della parola;
 
Movimenti di inseguimento lento
Permettono di muovere gli occhi in modo da stabilire sulla fovea l’immagine di un oggetto che si muove lentamente nello spazio;
 
Regressioni e rientri a capo
Movimenti di ritorno indietro nel testo, per riesaminare precedenti parole.

A fianco potete vedere la differenza tra i movimenti oculari registrati durante la lettura di un testo, in un normolettore ed un dislessico, i pallini indicano le fissazioni.

SociaLibri - libri per DSA

Qui a fianco potete testare un esperimento molto conosciuto che i ricercatori dell’Università di Cambridge hanno compiuto diversi anni fa per studiare in che modo la mente elabora il linguaggio scritto.

Non importa, in che ordine appaiano le lettere in una parola; è indispensabile, invece, che la prima e l’ultima lettera siano al posto giusto.

Ciò è reso possibile dal fatto che col tempo la lettura diventa un processo automatizzato e non avviene più scomponendo le parole lettera per lettera ma leggendole nella loro interezza. In altre parole, il nostro cervello percepisce lo stimolo visivo (la parola), la elabora e recupera direttamente dalla memoria la traccia che abbiamo di essa – trattandosi di una parola che già conosciamo – e le informazioni relative al suo suono e al suo significato.

SociaLibri - libri per DSA

In presenza di dislessia, invece, il processo di lettura tarda a diventare automatico. In pratica, i dislessici hanno maggiori difficoltà a leggere le parole nella loro globalità, ma tenderanno sempre a scomporle in pezzi più piccoli.
Gli errori di lettura che compie un bambino dislessico, sono simili, ma più frequenti, rispetto a quelli che possono presentarsi in ogni bambino che comincia a leggere e scrivere.

ROTAZIONI
b per d | d per q | q per p ecc;
 
INVERSIONI
modificazione della sequenza propria delle lettere o parole,
come ad esempio: esduto per seduto
 
CONFUSIONI
cambio di una lettera per un’altra di fonetica simile:
m e n | b e d | b e p

per un’altra visivamente simile, ma orientata diversamente:
d-b-p | u-n | m-n

oppure per un’altra che ha un suono simile:
v-f | g-c | b-p | d-t
 
OMISSIONI
mancanza di una o più lettere:
se per sedia come tavo per tavolo
 
AGGREGATI
aggiunta di lettere o combinazioni di lettere o ripetizione di lettere o sillabe come: maemma per mamma;
 
CONTAMINAZIONI
una parola o sillaba scritta si confonde con essa dando come risultato una mescolanza d’entrambe: quella pareteeverde per quella parete è verde
 
DISSOCIAZIONI
frammentazione sbagliata delle sillabe oppure associazione equivoca di parole: mam-mea-ma per mamma mi ama.

Hai bisogno di maggiori informazioni?

SociaLibri® è un marchio registrato da Baobab Cooperativa Sociale ONLUS

via Zara, 12 - 21049 Tradate (VA)

C.F./P.I. 02840030122

NOTA! Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie e su come eliminarli, leggete la nostra Cookie Policy.

Accetto i cookie da questo sito